Il campionato per noi è finito da più di una settimana con la conquista matematica della promozione, mentre al contrario molte altre squadre dovranno giocarsi qualcosa nelle ultime partite: chi la salvezza, chi i playoff. E domenica scorsa abbiamo giocato proprio contro una di queste squadre: Forlì.

Approcci alla partita diversi: da una parte una Fortitudo senza piú obiettivi particolari, se non quella di ritoccare gli almanacchi, dall’altra loro, con la necessità di fare due punti fondamentali per guadagnarsi la certezza matematica di andare ai playoff. Il coach nella conferenza prepartita aveva detto che l’approccio alle partite non sarebbe cambiato, ma era inevitabile che gli avversari volessero portarla a casa, a tutti i costi. E così è stato.

Forlì che ci castiga da 3 e che rimane sempre in vantaggio, fischi arbitrali discutibili, serata sfortunata al tiro e, nonostante Hasbrouck e il Cincia abbiano combinato per 45 punti, non sono riusciti a caricarsi la squadra sulle spalle.

Sconfitta indolore a due partite dalla fine del campionato: sabato 20 aprile si gioca l’ultima partita, in casa contro Roseto e lì, finalmente, potremo festeggiare indisturbati questa promozione.

Silvia Cavalli

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Categoria

Fortitudo, Il Nido dell'Aquila

Tag

,