(fonte foto: Fortitudo Pallacanestro Bologna 103)

Dopo lo splendido successo casalingo contro Treviso la Fortitudo non può fermarsi e deve continuare a cavalcare l’onda verso la promozione in serie A1. Nel turno infrasettimanale l’ostacolo è Udine, che deve rifarsi dalla sconfitta esterna contro Montegranaro potendo contare sul fattore campo a favore, ma senza la propria punta di diamante Marshawn Powell. Partenza bianco blu col quintetto solito formato da Fantinelli, Hasbrouck, Rosselli, Pini e Leunen.

Primo punto di serata mandato a bersaglio da Pini, Simpson risponde col piazzato e Spanghero allunga per la G.S.A. da tre. Fortitudo un po’ dormiente in difesa, Leunen perde la seconda palla del match e Nikolic vola a schiacciare il +7 in contropiede, costringendo Martino al timeout. Hasbrouck risponde a Simpson, Pini recupera ma butta via banalmente palla, permettendo a Spanghero nell’azione successiva di segnare due liberi e incrementare a 9 il divario tra le squadre. Bologna non si disunisce e costruisce un ottimo parziale di 6-0 a favore che la riporta a -3, Simpson continua ad essere inarrestabile e segna senza ritmo, Spanghero fa lo stesso e la percentuale friulana dall’arco sale, così come il massimo vantaggio che diventa in doppia cifra a 1′ dal termine del quarto. Bologna prova a restare a contatto con la lunetta, Udine non concretizza l’ultima del quarto e al 10′ è 23-17 per i padroni di casa.

Break iniziale bianco blu con 4 punti in un amen, dall’altra parte non si segna ma Bologna non punge al massimo delle proprie potenzialità, continuando a sbandierare senza fortuna dalla distanza. Ottimo contropiede finalizzato da Leunen che trova il pareggio e il conseguente sorpasso dalla lunetta sul 23-24, Benevelli realizza il primo canestro da ex ed incrementa il parzialone di 13-0, interrotto da Pellegrino due azioni dopo. Altro mattone di Hasbrouck, Leunen perfora finalmente la retina dall’arco ma Penna gli risponde immediatamente, con Genovese che pareggia a quota 33. Udine torna avanti con Simpson, Fantinelli prima e ancora Leunen poi da tre con l’ultimo tiro del primo tempo: Bologna di nuovo avanti 35-38 nonostante il 3/16 problematico dalla lunga distanza.

Cortese schiaccia dopo 4 tentativi falliti consecutivamente dalla effe, Rosselli in reverse da un po’ di respiro dopo un paio di altri attacchi affannosi, Pellegrino e Cortese forniscono molta energia ad Udine che torna avanti di 2. Tecnico per Martino, Pellegrino domina in area e rende complicata la vita ai lunghi bolognesi, che faticano molto contro il 29 di Udine. Spanghero per il +5, Fantinelli accorcia ma Mortellaro, dimenticato da tutti in area, realizza comodamente il 57-52 al 30′.

Ombre di primo quarto, distrazione alle stelle e Udine vola a +9 con la schiacciata di Nikolic, in attacco non si costruisce nulla e si fatica tremendamente. Martino chiama timeout e riorganizza il quintetto, Cinciarini da 5 metri segna ma non si sfruttano gli errori della G.S.A. per ridurre ulteriormente lo svantaggio e si perdono palle preziose, altra schiacciata di Nikolic ricucita però dalla tripla di Leunen. Doppia tripla di fila di Leunen che fa tornare l’aquila a -3, Cinciarini attacca l’area e segna, mentre dall’altra parte Udine non gira tanto bene la palla e fatica anche lei. Regali da una parte e dall’altra, Bologna sbaglia tutto quello che avrebbe potuto ribaltare il match, Simpson per due volte dalla lunetta prova a chiudere la partita, Leunen la riapre ma Spanghero nuovamente dalla lunetta la richiude: si materializza la seconda sconfitta della Fortitudo, che cade al PalaCarnera per 72-68.

Secondo inciampo per i ragazzi di Antimo Martino, che perdono una partita strana contro un buon avversario in una giornata totalmente no da tutti i punti di vista. Approccio sbagliato e rientro dagli spogliatoi con poche idee e molta confusione, malissimo dall’arco e molli in difesa, soprattutto sotto canestro dove Pellegrino e Mortellaro hanno dominato per tutto il match. Leunen ultimo a mollare.

Una sconfitta ogni tanto ci può stare, non bisogna farne una tragedia perchè il distacco c’è ancora, sebbene non sia rassicurante come prima: la regola è ripartire da lunedì sera in casa nel posticipo alle 20:30 contro Jesi.

Tabellini:

G.S.A. UDINE – FORTITUDO BOLOGNA 72-68

UDINE: Mortellaro 6, Cortese 5, Penna 3, Spanghero 16, Nikolic 8, Simpson 20, Pellegrino 11, Chiti, Pinton, Di Giovanni, Visentini, Genovese 3. All. Martelossi.

Tiri da 2 punti (16/34), 3 punti (6/24), liberi (22/28).

FORTITUDO: Rosselli 7, Hasbrouck 11, Cinciarini 6, Fantinelli 11, Leunen 24, Venuto, Pini 3, Mancinelli 4, Benevelli 2, Sgorbati. All. Martino.

Tiri da 2 punti (18/36), 3 punti (6/27), liberi (14/18).

Luca Tassinari

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Categoria

Fortitudo, Serie A2

Tag

, , ,