(fonte foto: Fortitudo Pallacanestro Bologna 103)

Altro primo match point per la Fortitudo che potrebbe già chiudere la serie e aspettare la vincente tra Casale Monferrato e Udine. Sono intorno ai 650 i sostenitori bianco blu accorsi in un palazzetto tutto giallo per sostenere i ragazzi di coach Pozzecco. Si parte con Okereafor, Mancinelli, Gandini, Rosselli e Cinciarini.

Primi due molti spettacolari per la effe, timing perfetto di Mancinelli per il no-look a favore di Cinciarini che insacca in reverse. Dopo tanti errori dall’arco la Tezenis trova il primo bersaglio con Amato, Greene controbatte firma il primo vantaggio veronese. Verona inizia a prendere fiducia e segna solamente da tre con più del 50% di precisione (6/9), mentre la effe continua ad attaccare con molta sostanza ed efficacia, partita condita da sorpassi e controsorpassi. Ultimo possesso per l’aquila che cesta con Okereafor, finisce in parità il primo quarto a quota 21, quarto nel quale Verona ha segnato solamente da tre e non ha nemmeno tirato una volta da due (7/15 dall’arco).

Bologna inizia con un punto in meno per una correzione sul libero di Gandini, Tote e Amato si alzano entrambi da tre e trovano il fondo della retina, facendo scivolare la effe a -9, che nel mentre ha costruito poco e niente. Battibecco tra Pozzecco e Amici, 6-0 Fortitudo che però è già in bonus, Rosselli si alza e fa tornare i suoi a -1. I bianco blu non pagano dazio sul tecnico fischiato a Pozzecco, Udom risponde a Fulz e l’ultimo possesso veronese è concretizzato da Greene, all’intervallo è 40-34.

Greene torna a segnare da tre sfruttando la persa di Cinciarini, gran dietro schiena del Mancio per Gandini che segna e costringe al terzo personale Amato, che si siede in panchina. Ancora un super Gandini pareggia, dopo un po’ Udom riapre da tre e Poletti riallontana l’aquila a -5. Continua il festival delle triple, segna anche Dieng e con l’ultima alzata a segno di Greene al 30′ è -7 Fortitudo, 61-54.

I raddoppi difensivi sotto canestro da parte di Verona sono letali per la Fortitudo che fatica e non poco sotto le plance, si cercano giocate difficili nel traffico che al 99% si trasformano in perse e la situazione si fa sempre più complicata. 0/2 pesantissimo per Pini dalla lunetta, Poletti segna la 19esima tripla di Verona e condanna la Fortitudo in doppia cifra di svantaggio, che tenta di riavvicinarsi ma tira mattoni su mattoni dall’arco. Inesorabilmente si spegne la fiamma bianco blu già a 3′ dalla fine, il resto della partita è solo per ordinaria amministrazione e gara 3 va a Verona con il risultato finale di 78-68.

Tabellini:

VERONA – FORTITUDO 78-68

Verona: Jones 5, Nwohuocha, Dieng 6, Amato 13, Udom 13, Ikangi 3, Greene 21, Poletti 14, Palermo, Oboe, Guglielmi, Tote 3. All. Dalmonte.

Tiri da 2 punti (6/15), 3 punti (19/42), liberi (9/15).

Fortitudo: Okereafor 8, Chillo 4, Fultz 3, Pini 6, Italiano 4, Cinciarini 9, Amici, Gandini 11, Montanari, Murabito, Rosselli 16, Mancinelli 7. All. Pozzecco.

Tiri da 2 punti (18/35), 3 punti (6/20), liberi (14/18).

Luca Tassinari

Pubblicato da tirodatre

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...