Ultima ed importantissima partita di campionato della Fortitudo che, forte della vittoria in casa contro Piacenza, vola a Mantova per vincere e acciuffare il primo posto (in caso di sconfitta di Trieste sul campo di Montegranaro). Il secondo posto è ormai blindato, si giocherà per la testa della classifica contro una Mantova che non gioca più per qualcosa: salvezza raggiunta e playoff inarrivabili. Bianco blu (senza Amici) che partono con Okereafor, Cinciarini, Mancinelli, Rosselli e Chillo.

Primo scippo del capitano che intercetta il passaggio di Legion e insacca in contropiede, Mantova risponde 3 minuti dopo con Moraschini. Ritmi molto lenti in avvio, il canestro è piccolo da entrambe le parti e si segna veramente poco, con le difese che prevalgono sugli attacchi. 8-0 di parziale mantovano con la tripla aperta di Vencato, si fa fatica ma si riesce a tornare a -4 con Cinciarini dalla media e a -2 con i liberi di Pini. Tripla di Mancinelli che riporta avanti la effe di 1, ottima rotazione offensiva nell’azione dopo che libera Cinciarini per un gioco da tre punti non chiuso dalla lunetta, risponde Mei dall’arco grazie alla dormita difensiva di Rosselli. Legion segna la sua prima tripla da ex, ultimo possesso bianco blu concretizzato da Mancinelli che firma la parità a quota 19.

McCamey si alza da tre e segna, Legion da 6 metri prima e Mancinelli in sottomano poi. Mantova domina sotto le plance a livello difensivo e va sul +4 con un’altra tripla di Legion, in difficoltà la Fortitudo che non riesce a trovare molti spazi, mentre Candussi si infiamma e porta per la prima volta gli Stings a +9, Mancinelli limita le distanze con un 3/3 dalla lunetta. Parziale di 7-0 dell’aquila che torna a -2, tecnico a Rosselli che commette il quarto fallo dopo neanche 18 minuti di gioco e si accomoda in panchina, il nervosismo prevale sui ragazzi di Pozzecco che non riescono a reagire convincentemente e restano a -6, tanti tiri liberi da un parte e dall’altra ma fortunatamente questa volta ci si prende di più. Altro ultimo possesso per la effe, nel casino generale Okereafor recupera e serve Cinciarini per due punti fondamentali del nuovo -2, si va a riposo sul 44-42 per Mantova.

Okereafor recupera a va a segnare i primi 2 del secondo tempo, risponde Vencato e allunga Jones dopo il recupero in contropiede. Controsorpasso ancora con Okereafor che con sicurezza si prende la tripla del +3 bolognese, time-out costretto per Mantova. 3 minuti di brutta pallacanestro, Vencato scongela il segnapunti da tre e firma il nuovo +2 per la Dinamica Generale, risponde Cinciarini con tre liberi dopo il fallo di Legion. Situazione di nuovo in parità a 3′ dalla fine del quarto, pallaccia di Okereafor che favorisce due punti facili in contropiede a Candussi, Mei segna da 8 metri e McCamey controbatte dalla stessa distanza: 63-62 al 30′.

Totale difficoltà offensiva per la Fortitudo che non segna per 2 minuti e mezzo, Mantova non ne approfitta al meglio e riesce ad andare solamente sul +4 nonostante le tante palle perse della effe. Legion punisce prima dalla distanza e poi col piazzato del +7 per gli Stings, McCamey dopo tre mattoni finalizza il gioco da tre punti e interrompe il grande parziale di Mantova. Rosselli chiude la sua partita (totalmente da dimenticare) sfondando in attacco, Cucci da tre con un canestro pesantissimo ma Okereafor controbatte immediatamente, prima di insaccare di nuovo grazie a un gran no-look pass di Italiano. Altri due di Cucci e +6, doppio break Bologna e -2, Mantova si addormenta clamorosamente e Cinciarini tutto solo centra il pareggio a 16” dal termine del match. McCamey salta scioccamente e concede due liberi a Legion che trovano il fondo della retina, Mancinelli si prende un tiro affrettato che non trova nulla ma l’1/2 di Moraschini tiene in vita l’aquila con un’ultima possibilità. Palla nella mani di Mancinelli che sbaglia l’ultimo tiro, la Fortitudo perde 83-80 e resta seconda.

Prima sconfitta per Pozzecco, maturata in una partita che ha mostrato tutte le difficoltà della Fortitudo in questa stagione: lucidità a pezzi, troppe palle perse e troppi errori dal campo. Brava a rimanere in partita ma troppo sprecona nei momenti cruciali del match, Mantova ne ha approfittato e ha colpito nel segno, portando a casa la vittoria. Riguardo ai singoli, apparte il capitano si salva Cinciarini, autore di 19 punti e di una prestazione relativamente positiva. Luci e ombre dagli americani, ma troppo discontinui per meritare la sufficienza. Dall’altra parte spiccano i 21 punti dell’ex Legion, difficile la riconferma ma i segnali di un riscatto ci sono stati; bene anche Candussi con 18 punti, Bobby Jones e Vencato.

La Regular Season è finita con la Fortitudo seconda, nei playoff affronterà la settima dell’altro girone, ovvero Agrigento.

Tabellini:

MANTOVA – FORTITUDO 83-80

Mantova: Cucci 9, Jones 13, Moraschini 6, Vencato 10, Legion 21, Timperi, Candussi 18, Albertini, Mei 6, Costanzelli, Ferrara. All. Serravalli.

Fortitudo: Cinciarini 19, Italiano 5, McCamey 11, Okereafor 10, Mancinelli 27, Rosselli 2, Montanari, Murabito, Pini 6, Gandini, Fultz, Chillo. All. Pozzecco.

Luca Tassinari

Pubblicato da tirodatre

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...