Emergenza roster in casa Fortitudo: out Mancinelli, Legion e Bryan oltre a coach Boniciolli, a referto vanno 3 giovani (Boniciolli P., Pederzoli e Montanari) in sostituzione. Bologna è chiamata ad un’altra prova di reazione dopo la sconfitta pesante maturata settimana scorsa contro Jesi, frutto di una prestazione totalmente rivedibile, difesa così così e attacco scandaloso, tanti errori sotto misura e tante palle perse; Ferrara arriva al Paladozza carica dal successo nella scorsa giornata in casa contro Imola per 76-65.

Striscione e coro per coach Boniciolli, quintetto bianco blu composto da McCamey, Italiano, Chillo, Gandini e Cinciarini. Primi attacchi individuali di McCamey e Cinciarini senza fortuna, Ferrara si porta sul 5-0 sfruttando un libero nato da un fallo di Italiano dopo che si è addormentato a rimbalzo e una penetrazione troppo facile. Bologna a metà quarto è ancora a 0 punti, non c’è una minima idea offensiva e ogni azione finisce col recupero ferrarese, che intanto si è portata a 8 lunghezze di vantaggio. Arrivano finalmente i primi 3 punti di Cinciarini, poi due liberi di Pini e due di Amici riportano la effe a -3 prima che lo stesso Amici pareggi in contropiede da 3. Si accende la partita, canestri da una parte e dall’altra, ultimo possesso ferrarese che circumnaviga il ferro ed esce, facendo terminare il quarto 14-18 in favore della Bondi.

Fultz risponde ad Hall prima di pareggiare di nuovo, stavolta a quota 23. Ancora Fultz da tre e primo sorpasso bianco blu sponda bolognese del match, si intensifica la difesa e l’attacco continua ad avere spunti molto produttivi ed interessanti, permettendo alla effe di tornare in vantaggio ed allungare a +4 con la penetrazione travolgente di Amici. Tecnico ad Amici, i sostenitori ferraresi lo beccano e il 19 bianco blu li zittisce un’azione dopo segnando da 3 totalmente fuori ritmo e portando avanti l’aquila di 9 lunghezze. Ferrara sparisce dal campo e Amici punisce ancora, +13 e massimo vantaggio Fortitudo a 1′ dall’intervallo lungo, ultimo possesso bianco blu con Chillo che spara da centrocampo e trova un cesto clamoroso, al 20′ è 49-33, +16 e massimo vantaggio incrementato.

Rinascita Fortitudo dopo un primo quarto orribile e senza cesto per più di 5 minuti, la Bondi ingrana bene ma pian piano perde i pezzi e il muro crolla sotto i colpi di Fultz (15 punti con 2/2 da due e 2/3 da tre più 7 liberi) e Amici (13 punti, 1/2 da due e 3/5 da tre), Hall unica fiamma ferrarese con 10 punti a referto.

4-0 di parziale aperto per Ferrara al rientro, gran giocata di Cinciarini che realizza in reverse  e concretizza successivamente il gioco da 3 punti per il fallo subìto. Fischietto leggero e Fortitudo in bonus a metà quarto, Italiano in contropiede firma il +17, con Ferrara che attacca relativamente bene ma che buca troppo in difesa, permettendo alla effe di controllare abbastanza tranquillamente il vantaggio acquisito. Ultima azione ferrarese conclusa con una schiacciata poderosa stile NBA, al 30′ è 65-49.

Rush esce di scena, mentre Amici continua a prendersela: altra tripla con fallo e +19. La Bondi regge il colpo e torna a -13 grazie ad alcune leggerezze bianco blu, costringendo Comuzzo a chiamare il time-out. Rosselli rimette le distanze, Ferrara torna nel baratro e Amici firma il ventello personale dalla lunetta. Esce anche Molinaro, quarto giocatore della Bondi ad uscire per 5 falli, la Fortitudo controlla agevolmente il vantaggio fino alla fine della partita, standing ovation per Chillo e punteggio finale di 83-66.

Vittoria senza particolari problemi per la Fortitudo, tolto un primo quarto sbadato che è però servito per svegliarsi dal secondo in poi e portare a casa un bottino prezioso, vista la sconfitta di Trieste in trasferta ad Imola. Benino Ferrara nella prima metà di gioco, poi è uscita la effe e non ha potuto fare altro che evitare di sprofondare, non riuscendo però a tornare convincentemente in partita, possibili cause il roster ridotto e l’handicap finale di 4 giocatori usciti per 5 falli. Sugli scudi un ritrovato Alessandro Amici, che ha guidato la nave bianco blu assieme a Cinciarini e Fultz, che hanno saputo riempire i buchi lasciati dagli indisponibili Legion e Mancinelli. Prossima trasferta ad Orzinuovi, sconfitta pesantemente a Roseto.

Tabellini:

FORTITUDO – FERRARA 83-66

FORTITUDO: Boniciolli, Cinciarini 16, Pederzoli, Fultz 17, Montanari, Chillo 9, Gandini 2, Amici 20, Rosselli 5, Pini 9, Italiano 5, McCamey. All. Comuzzo.

FERRARA: Mancini, Rush 5, Drigo, Hall 17, Fantoni 5, Carella, Molinaro 10, Cortese 18, Panni 3, Moreno 8. All. Bonacina.

Luca Tassinari

Pubblicato da tirodatre

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...