“Se Kobe è diventato il giocatore che è oggi, lo deve soprattutto all’Italia: in America si salta e si corre, ma pochi conoscono i fondamentali del gioco”