Il tormentone Carmelo Anthony-New York Knicks è finalmente finito: l’ex n°7 bluarancio lascia la Grande Mela dopo quasi 7 stagioni e va a unirsi all’MVP in carica Russell Westbrook e all’All-Star Paul George a Oklahoma City, formando così l’ennesimo affascinante terzetto di campioni.

Proprio le due superstar già a OKC, afferma Adrian Wojnarowski, il primo a riportare lo scambio, hanno giocato un ruolo enorme nel convincere Anthony ad accettare il trasferimento e indossare la maglia dei Thunder. I Knicks ricevono in cambio del loro top scorer il turco Enes Kanter, lungo con punti nelle mani, e Doug McDermott, tiratore sopraffino e una scelta futura, da riscattare al secondo giro del Draft 2018.

Fondamentale anche la decisione di Syracuse che rinuncia a una parte di quanto gli spettava per andare via da New York e unirsi alla franchigia dell’Oklahoma. Con l’ingaggio di Anthony i Thunder supereranno di oltre 12 milioni la soglia della luxury e saranno costretti a pagare ben 27.8 milioni di tasse aggiuntive

Lorenzo Bencivenga

Pubblicato da tirodatre

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...